L’ARC DI SAN MARC
di Nelio Toch
 

Biel a buinoro al’ero grant cjafoiaē
E regordanssji ce chi disjevo un viaē
Al’ero timp cal devo puoc dal bon
Cu di sigūr al podevo rivā cuachi ton

Intor miesdģ al’ero cussģ cjamāt e scūr
Cu un grum i an cjapāt pōro di sigūr
Vint fuart cal rivavo a bugados
Es son impiados parfin las lūs des strados

A sji ą vidūt viers Cumeli a tralupā
E po simpri pi fuart sintūt tuinā
E po iu prins asjens grancj como pantez
I an comencet a tontenā soro ił tez

E ił saladiē ił pģ boscs e ił pi prāts
Cun orts e baiarēs dal dut pestāts
E in chel cuardoro u puoc pin cal ą durāt
Al’ ero a plen dut blanc como neveāt

Cuietāt cal’ero i sin issjūts a scuaiā
I vin vidūt a sclarissji lu cīl e lu sarioli a raiā
E po i vin vidūt cjalant viers Morarģot
L’Arc di San Marc de creto fin oltro lu Malīot

Aloro regordant ce chi nus vevo insegnāt
Finīt lu diluvi Diu cul’om al fasjč l’Aleanēo
Encj sa nus parevo cu cula tampiesto al fos dut lāt
Vidint l’Arc di San Marc e ič tornado la speranēo.

Arc di San Marc: termine non pił usato. Alcuni anni or sono, una sera di maggio, usciti dal Rosario, nel cimitero dopo un temporale si č visto l’arcobaleno che scavalcava i rii Moraretto e Plumbs. Chiesi alle donne presenti, erano cinque o sei, come si chiamasse in dialetto; nessuna seppe dare risposta, solo Anuto che aveva pił di ottant’anni disse: Arc di San Marc. Perché? Chiesero tutte. Perché? Chiediamo anche noi. C’č una leggenda, se cosģ si vuol chiamare, riguardo a San Marco. Mia nonna narrava di aver sentito raccontare dai suoi vecchi che un anno a San Marco (25 Aprile) vennero nove quarte di neve, quantitą fuori misura considerata la stagione, e questa catasta di neve in nove giorni si squagliņ. A comprova di quanto raccontato dai vecchi, Giovanni Marinelli nella Guida della Carnia, riguardo alla chiesa di Sauris di Sopra, scrive: “A settentrione a m. 4,50 del suolo vedeasi infatti due strisce rosse e le seguenti frasi: 1533 A di 23 aprile fu la neve fin… sorse alla ultima settimana di aprile”. “Sorse” č da leggere nel senso “si sciolse”. Viene da chiedersi: che sia arrivato, dopo tanto maltempo, nel giorno di San Marco il sereno portato dall’arcobaleno e che da quel giorno sia stato chiamato “Arc di San Marc”? Questa č solo un’ipotesi, se qualcuno ne sa qualcosa di pił si faccia avanti. Nelio Toch

 

 
Articoli 2004
A spass cun Nelio (articolo in Culinot )
Con ca sji lavo a fā fen (articolo in Culinot )
Culinot, biel ma difizil (articolo in Culinot )
Friulano: Lingua o diletto
L'arc di San Marc (articolo in Culinot )
Us civics e strado par Gjviano (articolo in Gjvianot )
 
Articoli 2005
La partido (articolo in Culinot )
La selezion (articolo in Culinot )
No vevo vojo da fa nujo (articolo in Culinot )
Un viaē tal bosc (articolo in Culinot )
 
Articoli 2006
La parola al Presidente
Manifestazioni Attivitą
Parcč cjantģno (articolo in Culinot )
Ju cjapūts da Culino (articolo in Culinot )
Visita alla chiesa di Collina
E il mondo rotornņ a colori
Verso la libertą
 
Articoli 2009
Bon finiment e bon prinzipi (articolo in Culinot )
I nostri primi 40 anni
L’aurora boreale(... e torna la paura)
La mia prima scalata
 
Regione Friuli Venezia Giulia
Provincia di Udine
Comune di Forni Avoltri
Centro Sportivo Italiano