L’AURORA BOREALE (... e torna la paura)
di Luciano Caneva
 

Avevo poco più di sei anni quando, verso le dieci del 7 dicembre del 1937, si vide per il paese un grande splendore, gente che correva verso Collinetta e altri invece che correvano verso Collina gridando “Al fuoco! Al fuoco”. Si era incendiata la stalla di Giara tra l’osteria Al Leone e le casa di Sciulin. Neanche una settimana più tardi, cioè il 14 più o meno alla stessa ora, un’altra ‘razione’ di paura: aveva preso fuoco la stalla di Bortul e poco dopo il fuoco si era esteso a quella di Blasgiut che si trovava a pochi metri di distanza, ricordo molto bene quella notte poiché in quelle ore nacque mio fratello Renato. Per quell’inverno in fatto di incendi quelli già verificati sarebbero sicuramente bastati, ma il 25 gennaio 1938, verso le 13 il cielo si tinse di rosso verso sud-ovest, tinteggiando Cjampiciulon. Davanti all’albergo Volaia si formò un capannello di persone sempre più numeroso, tutti commentavano l’accaduto, chi diceva avesse preso fuoco qualche bosco in val Pesarina, chi addirittura che avesse preso fuoco un paese. Ad un tratto arrivò mio prozio Vittorio di Côgher che mise tutti d’accordo decidendo di telefonare in val Pesarina, ma la risposta non permise di saperne più di prima dato che fu risposto che per loro l’incendio era più lontano. Man mano il rossore si spostava prima verso Sappada, poi verso la Furcucjo e il Belvedere e infine verso il Canale, al calar della notte sparì. Morale della favola: quel giorno si combinò ben poco e la paura del fuoco ebbe il sopravvento. Io continuavo a ripetermi: “Siamo circondati dai ruscelli e forse il fuoco non passerà”, ma quella notte dormii ben poco. Solo in seguito si venne a sapere che non si trattava di un incendio ma di un’aurora boreale che per la sua rarità alle nostre latitudini e per la sua vastità è spesso stata ritenuta un segno soprannaturale, quasi sempre negativo; quello che si sarebbe verificato in Europa negli anni successivi pare aver dato ragione a questa interpretazione.

 
Articoli 2004
A spass cun Nelio (articolo in Culinot )
Con ca sji lavo a fâ fen (articolo in Culinot )
Culinot, biel ma difizil (articolo in Culinot )
Friulano: Lingua o diletto
L'arc di San Marc (articolo in Culinot )
Us civics e strado par Gjviano (articolo in Gjvianot )
 
Articoli 2005
La partido (articolo in Culinot )
La selezion (articolo in Culinot )
No vevo vojo da fa nujo (articolo in Culinot )
Un viaç tal bosc (articolo in Culinot )
 
Articoli 2006
La parola al Presidente
Manifestazioni Attività
Parcè cjantìno (articolo in Culinot )
Ju cjapûts da Culino (articolo in Culinot )
Visita alla chiesa di Collina
E il mondo rotornò a colori
Verso la libertà
 
Articoli 2009
Bon finiment e bon prinzipi (articolo in Culinot )
I nostri primi 40 anni
L’aurora boreale(... e torna la paura)
La mia prima scalata
 
Regione Friuli Venezia Giulia
Provincia di Udine
Comune di Forni Avoltri
Centro Sportivo Italiano